Ametista: proprietà, benefici, corrispondenze e usi in cristalloterapia

L’ametista è un quarzo viola che lavora direttamente su tutta la sfera mentale e spirituale. Può aprire davanti ai vostri occhi dimensioni del tutto nuove. In cristalloterapia è una delle pietre più usate, sia per la facilità con cui può essere comprata, sia per gli straordinari benefici e usi. Tra le leggende più interessanti su questa pietra, la più nota è probabilmente quella che la vede capace di bloccare gli effetti dell’alcol impedendo alla persona di ubriacarsi, semplicemente mettendo un piccolo quarzo burattato di ametista nel bicchiere con dentro la bevanda alcolica.  Il nome stesso ne identifica tale caratteristica. Amethystos significa infatti “colui che non si ubriaca”.

Proprietà dell’ametista

L’ametista possiede tante differenti proprietà. Lavora bene a contatto con le sfere alte dell’energia, perciò l’ideale è portarla come ciondolo. Nei trattamenti di cristalloterapia posizionatela sul sesto chakra invece, vi aiuta a sviluppare una maggior consapevolezza sulla realtà non ordinaria.

Potreste sentirvi particolarmente attratti dall’ametista se siete le tipiche persone che amano riflettere e che affrontano ogni cambiamento prendendosi tutto il tempo necessario per valutare ogni aspetto dello stesso. L’ametista attrae le persone equilibrate. Per usufruire delle proprietà dell’ametista potete decidere di indossare un ciondolo come dicevo prima, ancor meglio degli orecchini. Nessuno vi vieta invece di indossare anelli o bracciali con questa pietra. Vi trasmette infatti i suoi insegnamenti semplicemente tenendola a contatto con il corpo.Secondo gli Antichi Egizi è una pietra che protegge i viaggiatori.

Corpo

Associata da un punto di vista spirituale al sesto chakra e le potenzialità della mente. Nella sfera fisica l’ametista interviene sul mal di testa e le emicranie, così come sulle malattie nervose. Potete usare questa pietra per migliorare l’assorbimento dei liquidi da parte dell’intestino e per regolare la flora batterica intestinale. Stimola anche il metabolismo.

Un’altra proprietà dell’ametista per il corpo è quella di intervenire nei problemi che interessano le vie respiratorie. Se posizionata su una ferita, l’aiuta a emarginarsi prima. Se la posizionate sotto il cuscino vi aiuta a combattere l’insonnia, per potenziare questo effetto utilizzatela con un quarzo rosa oppure un lapislazzuli.

Mente

Indossate un ciondolo di ametista se avete bisogno di stimolare la sfera mentale. Vi aiuta a:

  • Vedere i problemi nella prospettiva giusta, senza ingrandirli o sminuirli
  • Percepire altre possibili strade e dimensioni oltre a quella in cui vi trovate
  • Lavorare per obiettivi reali senza rimanere schiavi di quelli che altri hanno prestabilito per voi
  • Tenere lontani i pensieri negativo
  • Secondo gli Antichi Egizi allontanava i sensi di colpa

Spirito

Le pietre viola, tra cui l’ametista, sono tra le più utilizzate quando c’è bisogno di intervenire sul piano spirituale. Una delle principali caratteristiche dell’ametista è quella di aiutare a vedere le cose in un’ottica più semplice, a non cercare strade difficili per raggiungere qualcosa che è a portata di mano. Dona chiarezza mentale e la capacità di vedere oltre le apparenze. Così come aiuta a combattere l’insonnia, l’ametista insegna anche a comprendere meglio i simboli che i sogni ci trasmettono.

Come si usa l’ametista

Indossarla. L’ametista potete indossarla come ciondolo, anello, bracciale o orecchini. La cosa importante è che stia a contatto con il corpo.

Posizionarla. Posizionatela sul sesto chakra, tra le sopracciglia, per bilanciare il terzo occhio e le energie alte. Diventa una pietra dell’equilibrio. Vi apre alle nuove idee. Potete metterla anche sul chakra della corona, la fonte della spiritualità, per comprendere meglio il vostro posto nel mondo. Se invece dovete intervenire su un sintomo fisico come il mal di testa, posizionatela direttamente sulle tempie.

Meditarci. L’ametista è anche un’ottima pietra meditativa. Stimola le vibrazioni del terzo occhio. Vi porta in una comprensione molto più profonda di voi stessi. Posizionatela sul sesto chakra per entrare in comunione con le energie universali. Tenetela nella mano sinistra per attirare energia.

Dormirci. Mettete l’ametista sotto il cuscino per combattere l’insonnia e comprendere meglio i sogni. Di notte tra l’altro vi aiuta a distruggere quegli schemi mentali che vi condizionano ma che di giorno non sono disposti a cedere.

Esporla. Se intendete usare un esemplare di ametista (una drusa per esempio) in casa, ricordatevi di posizionarla nella zona sud. In questo modo porta idee, calore e una maggior unione famigliare. A nord-est invece, vi aiuta a bilanciare la vostra vita.

Come pulirla

L’ametista può essere pulita sotto l’acqua corrente o anche immersa nell’acqua. Non lasciatela asciugare al sole diretto. La notte invece può tranquillamente restare esposta all’aria, sotto i raggi lunari.

Combinazioni con altre pietre

L’ametista è una pietra che si adatta bene a lavorare con altri cristalli. Non conosco particolari controindicazioni nell’uso di questo quarzo viola con altre pietre. Ho avuto modo invece di lavorare con il quarzo ametista insieme al cristallo di rocca, il turchese, il lapislazzuli, il quarzo rosa e il citrino senza problemi.

Utilizzi in pillole

  • Aiuta a raggiungere gli obiettivi
  • Insegna a vedere le cose con più semplicita
  • Promuove l’apertura del terzo occhio e aiuta a far emergere le doti nascoste
  • Contro il mal di testa e l’emicrania
  • Regola la flora batterica
  • Miglior assorbimento dei liquidi
  • Stimola il metabolismo
  • Combatte l’insonnia
  • Ridimensiona i problemi
  • Maggiore consapevolezza
  • Permette di riflettere meglio e prendere in considerazione cambiamenti importanti
Geode di ametista

Leggende, credenze e storia dell’ametista

Nell’Antico Egitto l’ametista era indossato come un amuleto di protezione durante i lunghi viaggi fuori dalla città, contro le imboscate e il tradimento. Oggi invece è utilizzata dai vescovi cattolici come talismano per la protezione spirituale. Sempre in Egitto veniva usato anche per alleviare i sensi di colpa.

Già nel neolitico in Europa si possono rintracciare delle ametiste usate sia come amuleti sia come simbolo di regalità. Veniva incastonata nei gioielli, nelle corone e negli scettri.

Una leggenda narrata da Ovidio vuole che Ametista è il nome di una ninfa, la quale in fuga da Bacco invoca la protezione di Diana, la quale per salvarla la trasforma in un cristallo purissimo. Bacco furioso, getta il suo bicchiere con dentro il vino sulla pietre, dandogli così il tipico colore viola.

La credenza invece che l’ametista protegge dall’ubriachezza è probabilmente da far risalire ai tempi dei Romani e dei Greci, che la usavano appunto per proteggersi dal consumo eccessivo delle bevande alcoliche ma anche del cibo.

Una credenza piuttosto diffusa voleva l’ametista come amuleto di protezione contro la stregoneria. Idea particolarmente diffusa in Perù. Altre leggende la vedevano capace di rendere immuni le persone dai veleni oppure capaci di scacciare demoni.

Un po’ di mineralogia…

L’ametista è un quarzo con sistema cristallino trigonale. Questa pietra viola, varia da trasparente a traslucida. I principali giacimenti si trovano in: Brasile, Uruguay, Bolivia, USA, Madagascar Russia, Messico, India. In Italia ci sono varie formazioni in provincia di Trento, Torino, Grosseto, Bolzano e Sassari.

L’ametista quando viene esposto al sole per lunghi periodi  impallidisce. Se invece viene esposto a temperature di circa 400°C cambia colore e diventa giallo-arancio. Venduta infatti come quarzo citrino.

Il cristallo di ametista si trova soprattutto nei geodi che si sono sviluppati nelle rocce basaltiche per via di una successiva attività idrotermale e prossima all’evento magmatico. I geodi in cui si trovano i quarzi in oggetto sono a loro volta presenti nelle rocce ignee. Sono modellate dal liquido magmatico e meno è viscoso, più è allungato il geode.

 

Dove comprare l’ametista

L’ametista è una pietra facile da trovare ed è possibile trovare buoni esemplari sia nei negozi specializzati nella vendita di cristalli, sia ai mercatini che su internet. Essendo una pietra comune difficilmente viene contraffatta, comunque è sempre bene far attenzione sia alla fonte (il venditore) che al prezzo (deve essere in linea con il mercato). Buone ametiste potete comprarle per esempio su Amazon e Sorgente Natura.