Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on print

Ametrino: proprietà, combinazioni e usi in cristalloterapia

Il quarzo ametrino nasce dall'unione del quarzo citrino e dell'ametista. Utile come stimolante, sia a livello metabolico che mentale, promuove la concentrazione.
Ametrino proprietà

L’ametrino è un quarzo, risultato dell’unione di due famose pietre (dalle quali prende il nome), l’ametista e il quarzo citrino. È un cristallo dall’aspetto particolare, con una cromaticità unica che fonde i colori delle due pietre dalle quali proviene, infatti solitamente assume colori che spaziano dal viola al giallo, in percentuali diverse da pietra a pietra.

Il quarzo ametrino ha un costo abbastanza elevato se intagliato, viene infatti usato per la realizzazione di gioielli. Non si sente invece parlare molto di lui in cristalloterapia. Fate attenzione perché i cristalli di ametrino spesso sono ametista parzialmente riscaldata così da offrire l’illusione che si tratti di ametrino. Quando l’ametista viene riscaldata infatti il suo colore varia sul giallo, sembrando appunto citrino.

Proprietà dell’ametrino

Oltre ai colori, questa pietra lega insieme i pregi dell’ametista e del citrino, apportando benefici sia al livello fisico che spirituale. È molto utilizzato per rimuovere i blocchi che impediscono il corretto fluire dell’energia attraverso il corpo, oltre che per stimolare la capacità innata che ha il corpo di auto guarirsi.

Benefici per il corpo

Per quanto riguarda il fisico, l’ametrino (come l’ametista dalla quale è in parte composto) può essere di aiuto nelle battaglie contro le dipendenze, di qualsiasi tipo esse siano. D’altro canto, la presenza del quarzo citrino fa sì che questa pietra riesca allo stesso tempo a favorire il sistema metabolico che consente un corretto funzionamento del corpo umano. Grazie a questa proprietà, l’ametrino è consigliato per le persone che vogliono perdere peso.

Riassumiamo, è utile per: superare le dipendenze, stimola il metabolismo, aiuta a perdere peso.

Benefici per lo spirito

Molti consigliano di utilizzare questo cristallo durante la meditazione perché emana una forte energia positiva e rilassante. Un’interessante capacità che le viene attribuita è quella di riuscire a creare un ponte tra l’aspetto spirituale che si esplora durante la meditazione e le azioni che si ripetono quotidianamente: consente cioè di vivere la vita in un modo più profondo e in sintonia con l’aspetto più spirituale di noi stessi, riversando la spiritualità nei gesti materiali.

Riassumiamo, è utile per: rilassare in meditazione, collegamento con il proprio lato spirituale.

Benefici per la mente

Il quarzo ametrino agisce anche sull’aspetto mentale, aiuta il processo di formazione delle idee e consentendo di elaborare i pensieri in tempi brevi e con un maggiore rendimento rispetto al normale. Proprio per queste sue capacità di favorire la concentrazione, si mostra una pietra molto adatta a tutti gli studenti o coloro che si trovano giornalmente in situazioni stancanti e impegnative per la propria mente.

Riassumiamo, è utile per: aiuta a formare le idee, elaborazione veloce dei pensieri, maggiore rendimento, aumento della concentrazione.

Benefici per le emozioni

Dal punto di vista emotivo, questo cristallo concede un maggior equilibrio tra le proprie emozioni, aiutando a mantenere la calma in situazioni in cui è difficile non farsi trascinare da fortissime correnti emotive, soprattutto in situazioni di stress. Si mostra perfetta per chi soffre di ansia o depressione, due stati d’animo molto forti che sono conseguenza diretta di uno squilibrio emotivo (talvolta anche mentale).

Riassumiamo, è utile per: l’equilibrio emozionale, mantenere la calma, ridurre lo stress, contro ansia e depressione.

Ametrino, come usarlo in 5 modi diversi

  1. Per usufruire degli effetti positivi che l’ametrino ha durante la meditazione, è sufficiente tenerlo a contatto con il corpo durante la seduta, ad esempio nel palmo della mano.
  2. Affinchè abbia effetto sulla mente, invece, deve essere indossata durante l’arco della giornata. Solitamente si preferisce indossare le pietre come collana o come bracciale, ma sono efficaci anche altri metodi, purché la pietra stia strettamente a contatto con la pelle.
  3. Posizionare una pietra all’interno di una stanza consente di equilibrare le energie maschili e femminili degli individui presenti. Questo è un fattore molto importante durante i rapporti intimi con il partner, perciò è consigliata la presenza di una pietra nella camera da letto per avere benefici anche in relazione alla vita sessuale.
  4. Se si presentano situazioni in cui una particolare emozione prende il sopravvento (attacchi d’ansia, momenti di ira, etc.) è possibile stringere tra le mani un cristallo di ametrino per alcuni minuti, affinché la situazione emozionale possa tornare a uno stato di equilibrio.
  5. Se un particolare chakra blocca il flusso di energia corporeo, è sufficiente poggiare un cristallo proprio sopra di esso, in modo che l’energia affluisca in quel punto dagli altri chakra, portando a uno sblocco di quello che impediva il passaggio di energia.

Come pulire, purificare e caricare l’ametrino

Potete pulire l’ametrino con l’acqua e un detergente delicato. Per la purificazione potete ricorrere all’incenso Palo Santo oppure potete posizionare la vostra pietra sopra una bella drusa di ametista. Quest’ultimo metodo va bene anche per caricare la pietra, altrimenti è ideale l’esposizione ai raggi lunari.

Il mio personale pensiero è questo: caricare e purificare le pietre non sono azioni necessarie. Può risultare però un rituale utile per voi, così da stabilire una maggior connessione con la pietra.

Combinazioni con altre pietre

Potete usare il quarzo ametrino insieme al quarzo rosa per rilassarvi durante la meditazione. Insieme all’azzurrite sia per equilibrare le emozioni, sia per placare l’ansia. Insieme alla selenite se volete aumentare la concentrazione.

Leggende, credenze e storia dell’ametrino

Quasi tutto l’ametrino in circolazione proviene dalla Bolivia (da cui il secondo nome Bolivianite), dalle miniere di Anahì. È possibile imbattersi anche in alcune imitazioni, per cui è bene prestare attenzione al momento dell’acquisto, dato che il prezzo non è tra i più bassi.

Secondo una leggenda, un conquistador spagnolo si innamorò della principessa indigena Anahì conosciuta durante una spedizione. La principessa ricambiava il sentimento, ma il suo popolo non ammetteva una simile relazione, per cui la condannò a morte. Prima di morire, Anahì regalò un cristallo di ametrino al suo amato, che da allora si rese simbolo dell’amore eterno.

Dove comprare l’ametrino

Molto dipende da cosa cercate. Se desiderate un gioiello vi suggerisco di cercare da un gioielliere. Le pietre di ametrino da utilizzare in cristalloterapia invece le potete acquistare sia nei negozi fisici sia online. Non ho nessuna pietra da consigliarvi però, mi è capitato di acquistare qualcosa online ma non sono rimasta molto soddisfatta.

Credit Photo: Ingemar Magnusson

Iscriviti alla newsletter

Ricevi l’ebook gratuito e la newsletter settimanale con tanti consigli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.