Come meditare con il cristallo di rocca

Potete usare il cristallo di rocca per meditare e amplificare la vostra attenzione sul presente. Esiste un modo perfetto per riuscirci.
Come meditare grazie al cristallo di rocca

Una delle pietre più famose e più usate in cristalloterapia è il cristallo di rocca, conosciuto anche come quarzo ialino. Uno degli usi più belli che ne potete fare è quello di supporto meditativo, vi può regalare davvero tante soddisfazioni e benefici in questo senso.

Se avete già letto il mio articolo su come meditare con i cristalli avete probabilmente già compreso alcuni dei benefici che potete ottenere da questa pratica.

Per meditare bene con il quarzo ialino dovreste tenerlo a contatto del terzo occhio, il sesto chakra. Idealmente quindi dovete stare sdraiati, fate attenzione però perché se non siete abituati vi addormentate. Potete usare piccole strategie alternative, come per esempio tenere un quarzo con un cerotto, oppure se preferite qualcosa di più bello potete vedere se trovate delle catene da attaccare magari a una passata con una punta di quarzo che scende giù.

In ogni caso, tenere il quarzo ialino all’altezza del terzo chakra vi permette di vivere uno stato meditativo profondo. Amplifica le vostre capacità psichiche e la capacità di concentrarvi sui vostri obiettivi.

Il cristallo di rocca ricordatevi che è un amplificatore, perciò vi consiglio di non usarlo in meditazione se in questo periodo vi trovate in balia di forti emozioni negative. Potrebbe infatti portarvi ad amplificarle.

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on print