Magnesite: proprietà, combinazioni e usi in cristalloterapia

La magnesite è una pietra poco nota in cristalloterapia, utile però soprattutto a livello fisico ed emozionale per portare equilibrio.
proprietà della magnesite

La pietra magnesite appartiene al gruppo della calcite. Potete usarla in cristalloterapia soprattutto per gli effetti benefici che ha sul corpo. Utile per rimuovere lo stress muscolare, ma anche per stimolare i processi metabolici. Essendo la sua scoperta piuttosto recente non ci sono molte informazioni su di lei. Quello che so, è presente in questo articolo!

Proprietà della magnesite in cristalloterapia

Non è tra i minerali più usati in cristalloterapia, perciò le informazioni che la riguardano non sono tantissime. I benefici sono più che altro dal punto di vista fisico.

Benefici per il corpo

Molti terapeuti la consigliano per le carenze di magnesio. Agisce anche sui muscoli con un’azione rilassante disintossicante. Tra i tanti effetti benefici troviamo quelli contro il mal di testa, gli spasmi gastrici e quelli intestinali. Potete usarla se state cercando di perdere peso, stimola infatti il metabolismo dei grassi. Previene la calcificazione dei tessuti.

Riassumiamo, è utile per: carenze di magnesio, disintossicare, ridurre il mal di testa, i problemi intestinali, perdere peso, metabolizzare i grassi.

Benefici per la mente

Potete indossare la magnesite o portarla con voi se avete difficoltà ad ascoltare gli alti. Vi aiuta a prestare maggiore attenzione alle persone, a ciò che hanno da dire. In tutto questo potete ottenere anche l’effetto benefico di diventare più tolleranti e pazienti, accettare meglio le idee altrui.

Riassumiamo, è utile per: migliorare la capacità di ascolto, la tolleranza.

Benefici per lo spirito

Non offre grandi benefici in ottica spirituale. Però sappiate che rafforza il vostro stato d’animo, può rendervi un po’ più ottimisti e vi insegna anche ad accettarvi per quello che siete davvero.

Riassumiamo, è utile per: rafforzare lo stato d’animo, l’ottimismo, l’accettazione.

Benefici per le emozioni

È una pietra dal forte effetto rilassante e tranquillizzante. Aiuta a contrastare il nervosismo. Io vi consiglio di usarla se di carattere siete ansiosi e tendete a innervosirvi per qualsiasi minimo cambio di programma. Non vi stravolgerà il carattere ma la magnesite vi aiuterà a mantenere un po’ più la calma.

Riassumiamo, è utile per: tranquillizzare, rilassare, contro il nervosismo, ridurre l’ansia, mantenere la calma.

Benefici per il settimo chakra

La magnesite visto il suo colore può lavorare sul settimo chakra, posto sulla fontanella. Potete perciò lavorarci a livello cromoterapico ma esistono pietre più idonee in questo contesto, come il cristallo di rocca.

Come si usa la magnesite

  • Indossarlo: potete indossarla come ciondolo per lavorare sullo spirito, la mente e il corpo. Potete sfruttare i suoi molti benefici.
  • Posizionarlo: se intendete alleviare sintomi quali il mal di testa, allora posizionatela sulla fronte.
  • Meditarci: utile in meditazione se cercate di tranquillizzarvi ed essere meno soggetti agli stati ansiosi.

Come caricarla, purificarla e pulirla

Potete pulirla sotto un filo d’acqua ma non lasciatela immersa. Dopo asciugatela con cura. Potete caricarla e purificarla semplicemente posizionandola sopra una drusa di ametista o di quarzo citrino.

Non ritengo necessario purificare e caricare le pietre, però se lo desiderate, qui sopra vi ho descritto un metodo idoneo per farlo.

Combinazioni con altre pietre

Potete usarla insieme al turchese se volete portare più calma e relax nella vostra vita. Contro l’ansia lavora bene anche in combinazione con l’ematite e la fluorite. A livello fisico se la usate con il cristallo di rocca o l’ametista è utile per ridurre il mal di testa.

Un po’ di mineralogia

La magnesite appartiene al gruppo della calcite.Viene usato per reperire il magnesio e i sali derivati. Ha un sistema cristallino trigonale ed è insolubile in acqua, ammonica e acetone. E’ un minerale bianco molto diffuso, alcune volte può assumere delle sfumature giallastre o verdastre.

Si forma dalla sedimentazione dei materiali che derivano dalle rocce disgregate che contengono il magnesio. Questi formano degli aggregati affini al calcare. Raramente invece si formano cristalli nei filoni idrotermali.

Non sappiamo molto sulla magnesite dal punto di vista storico e terapeutico nel passato. La sua scoperta infatti ridale al XVIII secolo. All’inizio era conosciuta come magnesia pura perché il magnesio al suo interno ancora non era riconosciuto come elemento distinto.

Dove comprare la magnesite

La trovate a un costo abbastanza buono. Non si tratta infatti di una pietra economicamente parlando di valore. Anzi, viene spesso usata per imitare il turchese, decisamente più costoso. Potete acquistarla burattata per i trattamenti di cristalloterapia oppure usarla come ciondolo da portare con voi.

Credit Photo: Wikipedia

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on print