Home » Agata: proprietà, tipologie, combinazioni e usi in cristalloterapia

Agata: proprietà, tipologie, combinazioni e usi in cristalloterapia

Parlare dell’agata non è facile, sia dal punto di vista mineralogico che cristalloterapeuto. Questo perché appartiene alla famiglia dei quarzi ma è una varietà del calcedonio. Viene definita agata quando è “a bande”. E’ definita calcedonio quando i colori sono tenui. Se per esempio l’agata è nera si parla di onice, se è arancione corniola…

L’agata si trova in commercio di tanti colori. Per realizzare collane, anelli, bracciali e ciondoli vari spesso viene trattata e colorata così da ottenere toni più brillanti ed eventualmente uniformi. In cristalloterapia vi consiglio di cercare l’agata naturale per le sue proprietà. Si parla di agata comunque quando è multicolore, altrimenti viene quasi sempre commercializzata con il nome specifico. Quando i colori sono molto brillanti e “forti” dubitate della sua naturalezza. L’agata naturale ha tonalità più spente.

Un po’ come ho fatto con la fluorite, suddivido le proprietà dell’agata in base ai colori. In questo modo potete scoprire subito in base alla pietra che avete tra le mani, qual è il suo significato nel dettaglio. Dopo torno alla parte della mineralogia e quella della storia.

Proprietà dell’agata in cristalloterapia

Le proprietà dell’agata cambiano in base alla varietà. Alcune proprietà generiche le possiede. Per esempio promuove la stabilità interiore e la maturità. Viene definita una pietra molto utile in gravidanza per proteggere il periodo della gestazione. Aiuta a riconoscere i desideri reali da quelli che ci sono stati inculcati. E’ simbolo di amore e di fedeltà.

Un’agata è un gioiello utile se siete in cerca di un amuleto di protezione durante i viaggi. Dona ispirazione e protegge dagli incidenti sul lavoro.

Corpo

L’agata arancione stimola la digestione. Lavora su tutto l’intestino e aiuta anche a prevenire e alleviare la gastrite. Potete applicarlo sulla pelle in caso di disturbi locali oppure, per attenuare il prurito causato da una puntura d’insetto. Una proprietà che spesso viene attibuita a tutte le agate è quella di far abbassare la febbre.

  • Agata arancione o corniola: quando è completamente arancione si parla della corniola. Utile per i problemi che riguardano l’addome e la digestione.
  • Agata dal pizzo blu: aiuta contro le ghiandole gonfie del collo. Rafforza tutta la struttura scheletrica.
  • Agata bianca od onice bianca: si parla di onice bianca quando è del tutto bianca. Utile contro le malattie della pelle, come le infezioni fungine.
  • Agata blu: lavora sui disturbi legati alla gola. Infiammazione, problemi alle corde vocali ma anche alla tiroide.
  • Agata Botswana: utile per coloro che desiderano smettere di fumare. Utile contro le disfunzioni sessuali.
  • Agata dendritica: stimola vene e capillari nel sistema circolatorio. Va bene per i disturbi scheletrici.
  • Agata di fuoco: bellissima agata rossa molto utile nei casi di letargia, quando mancano le energie. Accelera il metabolismo.
  • Agata gialla: migliora la digestione. Dovete posizionarla sul terzo chakra, due dita sotto l’ombelico.
  • Agata grigia: dona vigore ed energia a tutto il corpo, a livello fisico, mentale, spirituale ed emozionale.
  • Agata laguna: migliora l’elasticità delle pareti intestinali. Utile per i problemi degli occhi e dell’utero.
  • Agata marrone o sardonice: indicata per i dolori toracici. Rafforza tutti e cinque i sensi.
  • Agata muschiata: supporta il corpo quando è impegnato a sconfiggere una malattia.
  • Agata nera o onice nera: conosciuta per rafforzare l’udito, ma anche il sistema immunitario.
  • Agata rosa: da un punto di vista fisico allevia il dolore.
  • Agata verde: vi aiuta a disintossicarvi.
  • Agata viola: a livello fisico protegge la donna in gravidanza.

Mente

Migliora la concentrazione, potete usarlo per esempio se dovete impegnarvi nello studio. Aiuta a effettuare un’auto-analisi.

  • Agata arancione o corniola: utile per migliorare la concentrazione e spostare l’attenzione sul presente.
  • Agata dal pizzo blu: promuove l’auto-accettazione e porta a una maggiore fiducia in se stessi.
  • Agata bianca od onice bianca: utile per quelle persone che sono spesso sottoposte a stress emotivo.
  • Agata blu: vi aiuta a comunicare meglio con gli altri. Potete usarla come amuleto se dovete tenere una conversazione importante o dovete esporre qualcosa a un pubblico vasto.
  • Agata Botswana: può essere usata contro lo stress e la depressione.
  • Agata dendritica: vi incoraggia a tirar fuori quelle che sono le vostre verità.
  • Agata di fuoco: aiuta a trovare quella motivazione utile a superare le dipendenze emotive e fisiche.
  • Agata gialla: ottima se avete bisogno di trovare l’ottimismo perduto. In questo caso lavora bene anche con il quarzo citrino.
  • Agata grigia: dona vigore ed energia a tutto il corpo, a livello fisico, mentale, spirituale ed emozionale.
  • Agata laguna: vi incoraggia ad accettare la realtà per quella che è.
  • Agata marrone o sardonice: va bene contro gli stati di apatia e di indolenza.
  • Agata muschiata: per vedere il mondo da un punto di vista diverso. Insegna a trovare un punto d’incontro con gli altri.
  • Agata nera od onice nera: aiuta a far chiarezza su quali sono gli obiettivi da raggiungere.
  • Agata rosa: libera la mente dai pensieri negativi e favorisce l’intuito.
  • Agata verde: vi rende ricchi di buoni propositi.
  • Agata viola: più aperti verso le idee e i pensieri altrui, imparando ad accettarli.

Spirito

E’ collegata a ogni chakra in base al colore. Collega la persona che la indossa alla coscienza collettiva. Insegna a contemplare le esperienzedi vita per una crescita spirituale.

  • Agata arancione: aiuta le persone troppo spirituali ad apprezzare un po’ di più i piaceri del mondo fisico.
  • Agata dal pizzo blu: aiuta a raggiungere un livello di spiritualità molto alto. Armonizza la sfera interiore.
  • Agata bianca od onice bianca: da usare in meditazione per una connessioen spirituale profonda.
  • Agata blu: promuove la comunicazione con le sfere spirituali.
  • Agata Botswana: equilibra le energie positive e negative. Quando assume la forma di occhio protegge dalle energie maligne.
  • Agata dendritica: vi apre gli occhi davanti alla bellezza della vita. Aiuta ad accettare le proprie origini spirituali e fisiche.
  • Agata di fuoco: potete utilizzarla per pulire l’aura e rimuovere le energie negative. Se la usate per lavorare sul primo chakra, potete trovare una nuova connessione con la realtà.
  • Agata gialla: indossatela se siete in cerca di una forte energia spirituale.
  • Agata grigia: dona vigore ed energia a tutto il corpo, a livello fisico, mentale, spirituale ed emozionale.
  • Agata laguna: combatte la tendenza ad omologarsi e promuove invece l’unicità. Per superare la vulnerabilità di spirito.
  • Agata marrone o sardonice: rende più fecondi a livello spirituale, insegna a concentrarsi sui bisogni dell’umanità.
  • Agata muschiata: allinea i corpi sottili e va bene per il contatto con lo spirito guida.
  • Agata nera od onice nera: protegge dalle influenze negative. Rafforza il collegamento con la terra.
  • Agata rosa: promuove la calma e la serenità d’animo.
  • Agata verde: potete usarla per i processi di purificazione e disintossicazione spirituale.
  • Agata viola: promuove la compassione e l’accettazione.

Emozioni

Promuove l’armonia. Insegna ad accettare le proprietà verità, superando la rabbia e trovando quel coraggio necessario per superare gli ostacoli e ricominciare nonostante i traumi emotivi.

  • Agata arancione: dona ottimismo e vitalità. Elimina i sentimenti negativi della vita come la gelosia e l’invidia.
  • Agata dal pizzo blu:Vi aiuta ad esprimere meglio le vostre emozioni, a essere sinceri. Porta pace e armonia nei pensieri.
  • Agata bianca od opale bianca: dona la sicurezza necessaria per raggiungere qualsiasi obiettivo.
  • Agata blu: usatela contro i traumi emotivi che vi impediscono di andare avanti.
  • Agata Botswana: allontana i pensieri ossessivi e le fobie.
  • Agata dendritica: vi aiuta a superare le ferite della vostra infanzia, la separazione e il divorzio.
  • Agata di fuoco: ci aiuta a trovare i motivi per cui auto sabotiamo noi stessi e ci impediamo di essere felici.
  • Agata gialla: con lei potete guardare nelle vostre emozioni così da rintracciare i vostri veri desideri.
  • Agata grigia: dona vigore ed energia a tutto il corpo, a livello fisico, mentale, spirituale ed emozionale.
  • Agata laguna: usatela se dovete analizzare i vari processi mentali che vi portano alle decisioni che prendete.
  • Agata marrone o sardonice: ridimensiona i comportamenti violenti e la tirannia.
  • Agata muschiata: permette di elaborare l’odio e il rancore. Combatte la paura opprimente.
  • Agata nera od onice nera: usatela se volete comprendere meglio i desideri degli altri.
  • Agata rosa: aiuta a perdonare in amore.
  • Agata verde: portatela all’altezza del cuore, promuove i buoni sentimenti.
  • Agata viola: vi aiuta a dimostrare l’amore che provate per le persone care.

Come pulirla

Potete pulire l’agata con dell’acqua tiepida e del sapone. Non dovete farla entrare a contatto con prodotti chimici, ma nemmeno con fonti di calore forti. Quando dovete riporla avvolgetela in un panno soffice. Non teletela a contatto con le altre pietre per evitare che si danneggi.

Combinazioni con altre pietre

Proprio come il quarzo rosa è simbolo di amore puro. Come il lapislazzuli invece, allevia i fastidi delle punture d’insetto. Infine, come il cristallo di rocca riduce la febbre.

Leggende, credenze e storia dell’agata

L’agata ha una lunga storia alle spalle. E’ stata scoperta all’incirca verso il terzo secolo a.C nel fiume Achates (oggi conosciuto come Dirillo o Acate, in Sicilia). Fu il filosofo Teofrasto a scoprira e attribuirle il nome di Agata.

Il popolo Neolitico utilizzava l’agata per la realizzazione di manufatti, ma anche amuleti oppure gioielli ornamentali (ai tempi di Babilonia). In greci e gli egizi, così come tanti altri popoli, la usavano a livello terapeutico. I romani apprezzavano molto la polvere di agata mischiata con l’acqua. Dicevano che neutralizzava il veleno dei serpenti.

In passato era credenza comune che la persona con un agata a contatto con la pelle fosse persuasiva, piacevole e ben vista da Dio. L’agata come pietra protettiva lo aiutava a superare ostacoli come fulmini e forti venti.

Tra le altre credenze legate all’agata vi sono quelle di sconfiggere l’insonnia, proteggere i bambini dalle cadue, donare coraggio e capacità di non avere paura. Fu una pietra sacra a molte divinità femminili come Aurora, dea romana dell’Alba; Bona Dea, dea romana della fertilità; Gaia, Madre Terra per i greci; Cerridwen, la dea gallese della conoscenza; Nyx, dea greca della notte.

Un po’ di mineralogia

La pietra agata si forma in ambiente idrotermale, all’interno delle rocce vulcaniche con poco silicio, il quale si raccoglie nelle bolle d’aria presenti dentro la pietra. Permette così la formazione di piccoli cristalli che si depositano sulle pareti della cavità. Un processo che porta alla colorazione a striscie. I cristalli possono riempire completamente la cavità. In questo caso si parla di mandorla di agata. Se la cavità resta vuota, si parla di geode di agata.

L’agata presente sul mercato arriva un po’ da tutto il mondo. I principali depositi sono in Brasile, Messico, Argentina, USA, Australia, India, Botswana, Uruguay…

Dove comprare l’agata

L’agata non è difficile da trovare naturale. La cosa importante è domandare al commerciante e assicurarsi che sia una persona onesta. Può essere tinta ma è importante dichiarare quale trattamento ha ricevuto. Altrimenti l’unico modo per capire se è stata tinta è tagliarla. Di solito comunque viene tinta per aumentarne la brillantezza, altre volte per renderla di un solo colore.

Potete acquistare l’agata già montata in gioielli oppure, sciolta. Trovate orecchini, bracciali, ciondoli, collane, anelli… l’agata grazie alla sua durezza può resistere agli urti e l’usura. Essendo presente in natura di molte forme, fantasie e misure, con l’agata è possibile realizzarci tanti ciondoli e sculture. Sicuramente la trovate nelle fiere di paese, nei negozi che vendono pietre o gioielli etnici. Altrimenti, potete dare un’occhiata alle proposte di Amazon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.